Piano Transizione 5.0, potrebbe essere attivo per fine luglio

Piano Transizione 5.0, le novità
Piano Transizione 5.0, le novità

I ministeri competenti si sono accordati sul testo finale. Ora il documento è stato inviato alla Corte dei Conti per il via libera definitivo

Il Piano Transizione 5.0 prevede investimenti alle aziende per 6,3 miliardi di euro, fondo tratto dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). Forse, per fine luglio, le misure previste nel Piano potrebbero essere finalmente operative.

In queste ore, come ricordato in un articolo cartaceo de Il Sole 24 Ore, i ministeri interessati a Transizione 5.0, come il MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze), il MIMIT (Ministero delle Imprese e del Made in Italy) e il MASE (Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica), si sono consultati per presentare congiuntamente il decreto attuativo.

Documento inviato poi alla Corte dei Conti per l’ultimo passaggio. Il decreto sarà poi pubblicato sul sito ufficiale del MIMIT con avviso nella Gazzetta Ufficiale.

Alcune delle novità previste dal decreto attuativo

Nel decreto attuativo sono presenti diverse novità. Sono ancora previste, ad esempio, le agevolazioni per gli investimenti entro il 2025, ma un confronto con il MEF ha portato alla decisione di restringere l’arco di tempo di conclusione per gli investimenti che riguardano il 2024. Nel documento precedente la data ultima era il 30 aprile 2025 mentre ora è il 31 dicembre 2024.

Il dialogo con il MASE, invece, ha comportato l’inclusione anche degli impianti di produzione di energia termica tra i beni strumentali che possono essere incentivabili se utilizzati per autoprodurre energia indirizzata al consumo interno. 

Inoltre, è stato limitato il numero di soggetti  qualificati al rilascio delle certificazioni tecniche sul risparmio energetico. Un incarico demandato agli EGE (Esperti in Gestione dell’Energia), alle ESCO (Energy Service Company) e agli ingegneri “iscritti nella sezione A dell’Albo Professionale” ed esperti nell’efficienza energetica dei processi produttivi.  

Scopri di più e richiedi una consulenza gratuita consultando il seguente link.