Supporto per la Formazione e il Lavoro: alcuni chiarimenti

Supporto per la Formazione e il Lavoro, alcuni chiarimenti
Supporto per la Formazione e il Lavoro, alcuni chiarimenti

Il Supporto per la Formazione e il Lavoro rappresenta un importante sostegno per molte famiglie italiane. Alcune delucidazioni per usufruirne pienamente

Nella Circolare Inps n. 77 del 29/08/2023 sono presenti le informazioni basilari per quanto riguarda le procedure di accesso e di fruizione del SFL (Supporto per la Formazione e il Lavoro), misura istituita dal Decreto Legge del 4/05/2023, n. 48, convertito dalla legge 3/07/2023, n. 85 e valida dal 1° settembre 2023.

Il SFL nasce allo scopo di favorire l’inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro di persone ambo i sessi, maggiorenni di età compresa tra i 18 e i 59 anni, che siano componenti di nuclei familiari, con ISEE familiare, in corso di validità, che non sia superiore ai 6 mila euro annui.

Oltre al Supporto, dal 1° gennaio di questo nuovo anno, è stata attivata anche l’ADI (Assegno di Inclusione), misura che sostituisce il Reddito di Cittadinanza.

Indennità mensile prevista dal Supporto per la Formazione e il Lavoro

Il SFL prevede un’indennità mensile di 350 euro, per un massimo di 12 mesi, al momento non rinnovabili.

La mensilità serve a supportare le attività formative del SFL di qualificazione e riqualificazione professionale, di orientamento, di accompagnamento al lavoro e di politiche attive del lavoro comunque denominate.

La misura prevede anche la partecipazione a progetti utili alla comunità e al Servizio Civile Universale, oltre che l’adesione a percorsi di istruzione di primo livello per adulti o comunque funzionali all’adempimento dell’obbligo di istruzione, per tutta la loro durata e per un periodo massimo di 12 mesi.

Sostegno impignorabile

L’indennità prevista dalla partecipazione al SFL sarà esente dall’imposta sul reddito delle persone fisiche pertanto non può essere pignorabile, così come descritto nel punto 11 (Regime fiscale della misura e impignorabilità del credito) della Circolare Inps. 

Infatti, questa misura “si configura come sussidio di sostentamento a persone comprese nell’elenco dei poveri ai sensi dell’articolo 545 del codice di procedura civile”. 

Una novità molto importante prevista dal gennaio 2024

Nella già citata Circolare Inps troviamo, nell’Introduzione e Definizione, una novità prevista a partire dall’inizio di questo nuovo anno. 

Dal 1° gennaio 2024, potranno aderire al Supporto anche i componenti di nuclei familiari già percettori dell’ADI, che dovessero decidere “di partecipare ai percorsi […], pure non essendo sottoposti agli obblighi previsti dall’articolo 6, comma 4, del decreto-legge n. 48/2023, purché non siano calcolati nella scala di equivalenza specifica per l’ADI”.

PSB fornisce assistenza in tutti i passaggi per accedere al SFL

L’inoltro della domanda per beneficiare della misura comportamento lo svolgimento di una serie di passaggi anche complessi. 

PSB, in qualità di Ente di Formazione Professionale e di Agenzia per il Lavoro, può assistere gli ex percettori del RDC in tutti i passaggi che riguardano l’attivazione e la partecipazione alla misura Supporto per la Formazione e il Lavoro, così come nella ricerca di un’occupazione idonea alla formazione ricevuta.  

Per ulteriori informazioni, inviare recapito telefonico e nome sul numero WhatsApp 081 1956 1010 per essere ricontatti o inviare una mail all’indirizzo service@psbjob.it o consultare il seguente link